La dipendenza tecnologica sta mietendo vittime in tutto il pianeta.

Analizziamo un po’ questi dati sulla dipendenza tecnologica.

Uno studio multinazionale sugli utenti di telefonia mobile in tutto il mondo, in 6 continenti e in 35 paesi, effettuato da Deloitte ci ha fornito un dato sconfortante e preoccupante allo stesso tempo.

La maggioranza delle persone controlla il cellulare dalle 2600 alle 4500 volte al giorno. Molti di loro si svegliano addirittura nel mezzo della notte per controllare i messaggi e notifiche. Questo è un comportamento che riguarda il 70% degli italiani. Ed il 63% lo controlla prima di dormire.

L’80% delle persone commette l’errore più grave che incide per tutto il resto della giornata: controllare il proprio cellulare appena sveglio.

Queste persone sono vittime della dipendenza tecnologica.

Purtroppo i dati e numeri negativi non finiscono qui.

Ogni 180 secondi subiamo una distrazione e poi occorrono 24 minuti per tornare concentrati, il 50% delle persone ha due telefoni, il 28% del lavoro è speso per rispondere alle mail, e un altro 28% è consumato da interruzioni.

Secondo un rapporto di Ofcom ci dice che in Gran Bretagna le persone adulte passano 25 ore a settimana connessi a internet, impiegano 8 ore e 41 minuti al giorno sugli schermi dei dispositivi digitali. Il 66% degli utenti mobile soffrono di nomofobia.

Tutta questa iperconnessione causa un grave problema. Le persone passano il 46,9% delle ore a pensare a qualcosa di diverso da quello che stanno facendo.

Ulteriori studi e ricerche ci dicono che il 70% dei possessori di smartphone non riescono a ignorare una notifica, messaggio o chiamata e più dell’80% interrompe conversazioni e pasti per controllare il proprio dispositivo.

Inoltre una ricerca di Cisco ci dice che il 60% delle persone passa il proprio tempo libero sullo smartphone.

Se dovessimo riportare tutte gli studi e ricerche fatte sul fenomeno della dipendenza tecnologica verrebbe un articolo kilometrico e risulterebbe noioso da leggere. Per questo preferiamo fermarci e invitarti a riflettere su questo scenario.

Riesci a capire quanto questa tendenza distrugga la produttività giornaliera? Pensi che questo sistema sia sostenibile?

Abbiamo creato una soluzione definitiva a questo problema grazie ad una esperienza turistica che prevede anche un corso avanzato che ti aiuta a gestire al meglio la tua sfera digitale.

Se vuoi saperne di più dai una occhiata ai nostri viaggi digital detox.